domenica 5 febbraio 2023
stónnə 6°, ‘u cìələ scúrə

Logo

Tempo di lettura: 4 minuti

Il Silent Book Club di Taranto, tra quiete letture e luoghi magici: ecco il prossimo appuntamento!

Roberta Frascella - 17 Dicembre 2021

I ritmi frenetici della vita quotidiana ci portano in un circolo vizioso di ansia da produttività e richieste di ogni genere da parte del mondo circostante, tanto che, arrivati a sera, ci ritroviamo con le batterie scariche a scrollare la home dei nostri social network perché, seppur volendolo, non abbiamo la forza di prendere in mano un libro oppure crolliamo addormentati dopo le prime righe. Abbiamo bisogno di staccare da tutto ciò, ma come fare se anche la casa diventa un posto dove rilassarsi diventa impossibile?

Ecco allora che il Silent Book Club ci viene in aiuto. E sì, tarantini all’ascolto, questa intrigante iniziativa è giunta anche qui grazie a Valeria Libardi, il cui nickname è La libreria della periferia, e all’associazione di promozione sociale I Care Taranto – rispettivamente @la_libreria_della_periferia e @i_care_taranto su Instagram – non abbiamo più scuse per non ritagliarci un po’ di tempo e silenzio tutti per noi!

Ma quali sono le origini del Silent Book Club? Nato nel 2012 grazie a due amici, Guinevere de la Mare e Laura Gluhanich, che si riunivano a leggere assieme, in silenzio, in un bar di San Francisco e, da allora, ha avuto molto successo in tutto il mondo, infatti ne sono stati creati oltre trecento e continuano a nascere grazie all’iniziativa di persone volontarie che amano i libri e vogliono condividere questa passione. Infatti, nelle parole dei loro creatori, il Silent Book Club ha a che fare con la comunità, ma senza le pressioni di produttività del quotidiano.

Come funziona? Facile! Ci si accorda per riunirsi in un determinato luogo (possibilmente non rumoroso) a una certa ora con la frequenza che si desidera, magari portando qualcosa da bere e da mangiare – o ordinandola, se il ritrovo è un bar o un pub – e ognuno porta con sé il libro che sta leggendo in quel momento. Si legge in silenzio per mezz’ora o un’ora e dopo si condividono impressioni e pareri sulla lettura in corso, aprendo un dialogo ricco di curiosità e nuovi punti di vista. Le regole generali sono queste, ma ogni Silent Book Club decide come organizzarsi in base alle proprie esigenze.

Come detto in precedenza, il Silent Book Club è giunto nella città dei due mari grazie alla volontà di La libreria della periferia, che è venuta a conoscenza dell’iniziativa ascoltando il podcast “Copertina” di storielibere.fm, e I Care Taranto da oltre un anno. L’edizione dello scorso anno è stata composta da soli due incontri, tenuti prima della pausa estiva nella pineta di Parco Cimino e sulla spiaggia di Viale del Tramonto, due posti suggestivi, ma soprattutto all’aria aperta per andare incontro alle disposizioni dovute all’emergenza sanitaria – tant’è che, oltre al libro, era obbligatorio avere con sé anche la mascherina! – e si è interrotta per lo stesso motivo.

Quest’anno, l’iniziativa è stata riproposta e si articolerà in una serie di incontri a cadenza mensile sino a marzo 2022. Il primo di questi si è tenuto nella cornice suggestiva del Castello Aragonese il 21 novembre e ha visto la partecipazione di un nutrito gruppo di persone, mentre il secondo si svolgerà domenica 19 dicembre alle ore 17:00 presso la Biblioteca Acclavio e gli altri appuntamenti saranno man mano annunciati sulla pagina Instagram di La libreria della periferia.

Foto di Silvia Sirea

Come si può notare, si tratta di luoghi simbolo della nostra città, che evocano una sorta di magia e rispetto in cui il silenzio che queste ore di lettura portano con sé diventa tutt’uno con l’atmosfera generale: se, insomma, per alcune persone può risultare complesso mantenere silenzio e concentrazione per un tempo tanto prolungato – fidatevi, mezz’ora non è poco! – le location della nostra splendida città collaborano a creare lo spirito giusto con cui approcciarsi alla lettura del libro che portiamo con noi. Sono, quindi, anche i posti protagonisti delle nostre letture, come se fossero anch’essi dei libri che ci approcciamo a sfogliare e che ci parlano sottovoce affascinandoci e accogliendoci.

Il Silent Book Club non è il solo progetto di lettura che si snoda nella città di Taranto, infatti è parte di un progetto più ampio dal titolo “Libri e cose”, in cui le persone si incontrano e condividono i propri libri, il quale comprende anche il Book Club, ovvero il classico incontro in cui si concorda una lettura per tutti i partecipanti e poi si discute intorno ad essa, e la Book Station, cioè la biblioteca di quartiere. La capillarità dell’iniziativa, patrocinata tra l’altro dal Comune di Taranto, non può che farci riflettere sull’importanza della lettura e soprattutto sulla sua bellezza e necessità di portare nel mondo i suoi pregi. Infatti, ce n’è per tutti e, parlando nello specifico del Silent Book Club, si adatta anche ai più introversi, che possono ritagliarsi un pomeriggio di tranquillità per immergersi nelle pagine dei propri libri e quindi anche nei loro pensieri, ma strizza un occhio anche ai più curiosi, che dal confronto con gli altri coglieranno sicuramente nuovi spunti per nuove letture e riflessioni future e al momento gioveranno della ricchezza e dalla profondità del dialogo.

I libri accompagnano momenti di lettura silenziosa per la maggior parte di noi adulti, ma già solo per il fatto di star leggendo le parole che qualcun altro ci ha consegnato e ha ritenuto rilevante farlo, oltre all’immensa generosità di lasciarci entrare nella sua mente, stiamo instaurando un rapporto che dura nel tempo e ci segna. Che bello, allora, poter condividere ulteriormente ciò che ci ha segnato e che, come il pezzo di un puzzle, contribuisce a forgiare la nostra anima e le nostre idee. Ancora meglio se lo facciamo con la delicatezza del silenzio e la magia dei luoghi della nostra città.

Il prossimo appuntamento del Silent Book Club si terrà alla Biblioteca Acclavio in Piazza Dante alle ore 17:00 di domenica 19 dicembre. Per partecipare, è necessario avere il Green Pass e prenotarsi al numero 328 4119256 o mandando una mail a icaretaranto.aps@gmail.com. Non mancate!

TAG: