sabato 4 febbraio 2023
stónnə 9°, jé mal tìmbə

Logo

Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Un tarantino tra i grattacieli negli U.S.A.

Andrea Chioppa - 25 Gennaio 2022

La straordinaria storia del Dott. Celso Brunetti, originario di Manduria e la sua scalata nelle più prestigiose università degli Stati Uniti può diventare un’ispirazione per i nostri giovani speranzosi di cose grandi. Questo è quanto ha rimarcato lo stesso Brunetti rivolgendosi ai ragazzi manduriani: “Perseguite con determinazione i vostri obiettivi. Sicuri che un giorno sarete orgogliosi dei risultati ottenuti e rendete fieri voi stessi, la vostra famiglia, ma anche la comunità”.

Impegno, sacrificio, determinazione sono i cardini portanti della crescita e del percorso di vita di Celso sin da ragazzino quando scelse di fare il chierichetto, poi lo scout, e dedicando il suo tempo libero allo studio e all’amore per la musica ricoprendo l’incarico di maestro del coro della parrocchia. Conseguita la maturità scientifica, parte per Milano laureandosi con ottimi voti in Scienze Economiche, Bancarie, Informatiche ed Assicurative all’Università. Sempre a Milano, alla Bocconi, consegue un master in Economia e Finanze e vince una borsa di studio che lo vedrà a Londra per il dottorato di ricerca e successivamente come insegnante per quattro anni.

Ha inizio così la scalata del Professor Brunetti, da Londra all’Università di Edimburgo, poi all’Università di Philadelphia negli U.S.A. per continuare la sua carriera come professore all’Università della Pennsylvania, a Baltimora e alla prestigiosa Washington J. Hopkins University. Dal 2011, a seguito di una promozione, Celso Brunetti è a capo della sezione istituzioni e mercato finanziario dell’istituto governativo della banca centrale statunitense Board of Governors della Federal Riserve System (FED). Il suo lavoro di ricerca è incentrato sull’identificazione dei meccanismi attraverso i quali difficoltà finanziarie di operatori e mercati possono generare una crisi dell’intero sistema finanziario. Al Dott. Brunetti l’orgoglio della comunità di Manduria e della provincia del capoluogo jonico