sabato 4 febbraio 2023
stónnə 9°, jé mal tìmbə

Logo

Tempo di lettura: 2 minuti

Il tarantino Emanuele Urso sarà il primo corno del Teatro alla Scala di Milano

Lorenzo Ruggieri - 3 Febbraio 2022

Dopo aver riscontrato successi in tutto il mondo, da Israele a Guadalajara, il musicista tarantino Emanuele Urso è pronto a piantare le radici in Lombardia. Nel Gennaio del 2021, infatti, l’artista originario di Martina Franca ha vinto il prestigioso concorso internazionale per il primo Corno del Teatro alla Scala di Milano. Uno straordinario successo che corona una lunga gavetta, come ha ammesso lo stesso Urso ai microfoni di French Horn Magazine: “Sono emozionato e grato di aver ricevuto questa grande opportunità” ha dichiarato: “è un onore per me far parte di questa prestigiosa Istituzione. Ho lavorato tanto per realizzare questo mio sogno che avevo nel cassetto fin da quando ero bambino”. Un talento tramandato da suo nonno, musicista locale: “Non sono figlio d’arte ma mio nonno suonava nella banda di Martina Franca. Ricordo che seguivo con interesse la loro attività e l’allora direttore di banda Vito Liuzzi decise di darmi la possibilità di entrare nella Banda della città dapprima con il flicorno contralto per poi propormi di suonare il corno”.

Martina Franca come prima tappa di un lungo girovagare attorno al Mondo: “Dopo essere entrato al Conservatorio di Monopoli a 13 anni, mi diplomai a 19 anni e decisi di continuare i miei studi al Conservatorio di Cesena. Dopo Cesena , Israele mi aprí le porte e vinsi una borsa di studio alla Buchmann Mehta School di Tel Aviv.  In Italia non c’erano possibilità per formarsi professionalmente in un’orchestra e la mia esigenza di fare esperienza da primo corno in orchestra era forte, perciò decisi di trasferirmi in Messico, dove ottenni il posto da primo Corno al Teatro di Guadalajara”.

Dopo essere emigrato anche in Inghilterra, dove Urso fu nominato primo corno alla BBC Philharmonic di Manchester, nel 2016 optò per il rientro in Puglia, al Teatro Petruzzelli di Bari. Esperienza, studio e talento hanno permesso al tarantino di entrare nel prestigiosissimo Teatro alla Scala, dove Emanuele potrà continuare ad esprimere tutte le sue potenzialità.