martedì 31 gennaio 2023
stónnə 11°, ‘u cìələ scúrə

Logo

Tempo di lettura: 2 minuti

Al via “Il presidio della cozza nera tarantina”: un altro progetto per la riqualificazione

Redazione IAMTaranto - 11 Febbraio 2022

Si terrà nel pomeriggio di lunedì 14 febbraio, in remoto sulla piattaforma Zoom, il primo incontro per “Il presidio della cozza nera tarantina”, convocato dal presidio “Slow Food Puglia” che aveva ricevuto l’incarico dall’Amministrazione Melucci di avviare questo importante progetto per riqualificare la cozza tarantina con una azione di branding e di promozione sui mercati.

Ne dà notizia Paolo Castronovi, segretario cittadino del PSI jonico, già vicesindaco e assessore all’Ambiente e alle Società partecipate dell’Amministrazione Melucci.

In questo primo incontro tecnico operativo “Slow Food Puglia”, in particolare il presidente pro-tempore Marcello Longo, presenterà una prima bozza di disciplinare ai numerosi rappresentanti delle Istituzioni, delle associazioni di categoria e agli stakeholder del territorio, che così potranno dare un loro contributo alla stesura definitiva.

Prenderanno parte all’incontro anche i 21 mitilicoltori che hanno aderito alla prima sperimentazione del progetto e che hanno manifestato la volontà di proseguire il percorso avviato costituendo la comunità del “Presidio Slow Food della cozza nera del Mar Piccolo di Taranto”, alla quale possono partecipare ulteriori operatori della mitilicoltura tarantina.

È uno dei tanti programmi avviati dall’Amministrazione Melucci che si concretizzano in questo periodo.

Questo, in particolare, rientra nel Progetto “Remar Piccolo: natura e tradizioni per rivivere il mare” che all’epoca ha visto al lavoro insieme l’Assessorato all’Ambiente, Assessore Paolo Castronovi, e quello allo Sviluppo Economico, Assessore Fabrizio Manzulli, che riuscirono ad ottenere un finanziamento del Por Puglia 2014/2020 – Asse VI – Azione 6.6. Sub-Azione 6.6.A “Riqualificazione Integrata dei paesaggi costieri”.

È una delle tante azioni realizzate dall’Amministrazione Melucci per valorizzare il Mar Piccolo, come il Progetto Eco.Pa.Mar. (Ecomuseo Palude La Vela e Mar Piccolo), o il progetto per l’area polivalente per attività di animazione sociale e promozione della legalità sul waterfront Mar Piccolo della Città Vecchia di Taranto, o il sostegno al progetto per introdurre l’utilizzo di retine biodegradabili per la coltivazione dei mitili al posto di quelle di plastica tradizionale.

TAG: