domenica 5 febbraio 2023
stónnə 6°, ‘u cìələ scúrə

Logo

Tempo di lettura: 2 minuti

Ogni volta… ne esce male l’immagine di questa città

Massimiliano Fina - 17 Marzo 2022

Taranto, sassate e insulti dei pacifisti alla nave della Marina: “Assassini, dovete morire, mer***” Taranto, insulti e pietre contro la nave militare “Carabiniere “che rientra in porto: «Assassini, vergogna»Sassi contro la nave della Marina, da Di Maio a Meloni tutti contro il blitz di Taranto: “Non è pacifismo, è idiozia”. Questi, alcuni dei titoli, dei quotidiani più importanti a livello nazionale.

Quanto accaduto ieri non deve alimentare un’immagine sbagliata di Taranto: lanciare le pietre contro una nave che stava entrando nel Mar Piccolo per recarsi in Arsenale, è follia! In sintesi si potrebbe affermare che la salute mentale abbia giocato un brutto scherzo… tra l’altro, “Pacifisti prendono a sassate…”, fa già “RIDERE” così. Una contraddizione colossale!

Che dire delle “persone”: PSEUDOmanifestanti che non sapevano come impiegare il loro inutile tempo! Se avessero avuto necessità di “manifestare”, perchè non mostrare il proprio coraggio andando a farlo ai confini della Russia, visto che le loro intenzioni erano “pacifiste”? E’ troppo comodo inveire contro delle persone che stavano semplicimente svolgendo il proprio lavoro come l’equipaggio della Nave Carabiniere rientrata ieri.

Poi i Media, hanno amplificato questa situazione: 20-30 persone a livello locale non hanno testo in una intera città che merita il giusto rispetto. Sono meno di zero! Una microscopica frangia di quella che è una città, che per tradizione, ha una devozione marinaresca straordinaria.

Ma come tutte le volte, l’immagine di Taranto è stata danneggiata, grazie all’azione di una minoranza irrilevante. Il rammarico più grande resta questo anche perchè la Marina Militare è e rimane uno dei “polmoni di ossigeno della nostra città”…

Saremo contenti che con altrettanto impegno e forza di volontà, anziché scagliarsi contro la Nave Carabiniere, utilizzaste il vostro cervello per far tornare a splendere Taranto e riportarla ai fasti di un tempo.

TAG: