lunedì 30 gennaio 2023
stónnə 9°, jé mal tìmbə

Logo

Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Progetto nella Terra delle Gravine, l’importanza dei cani pastore: “Ecco l’idea”

Redazione IAMTaranto - 10 Maggio 2022

Per mettere fine agli assalti di bestiame da parte dei branchi di lupi sono stati allevati cani pastore abruzzesi a stretto contatto con gli animali delle aziende agricole della Terra delle Gravine.

I cani, in questa maniera, sono diventati un deterrente per gli attacchi dei lupi.

Il progetto ha visto la collaborazione tra le Istituzioni locali e l’Università di Bari, e ha posto fine all’annosa contrapposizione tra lupi e allevatori, dimostrando che una convivenza sostenibile. Sono stati inseriti cani pastori abruzzesi all’interno delle aziende colpite e le predazioni sono diminuite sino al cento per cento.

“Abbiamo creduto sin dall’inizio nella bontà di questo progetto – commenta in una nota Fabrizio Quarto, sindaco di Massafra (Taranto), comune capofila del progetto – che ha visto le istituzioni al fianco dei produttori e dell’università e finalmente possiamo riportare esiti positivi che da un lato hanno garantito la tutela degli animali e dall’altro quella degli allevatori”.

Nel territorio delle Gravine dell’arco ionico tarantino da sei anni è in corso un’azione di ricerca e di studio sui lupi, volta a salvaguardare una figura ritenuta fondamentale nell’ecosistema.

“Abbiamo riscontrato – ha spiegato il biologo Lorenzo Gaudiano – almeno tre nuclei riproduttivi nel parco Terra delle Gravine, due dei quali sono stanziati nelle parti occidentale e orientale, mentre il terzo, di più recente caratterizzazione, ai confini settentrionali.

In quattro aziende è stato portato a termine l’affidamento gratuito, da parte delle istituzioni locali, di mute di pastori abruzzesi, nati e cresciuti a stretto contatto con gli animali da allevamento, tanto da sentirli come parte del proprio nucleo familiare, il che ha permesso loro di difenderli attivamente. I cani inseriti si sono a loro volta riprodotti e di conseguenza i cuccioli sono stati poi affidati ad altre aziende”. (Fonte – ANSA).

TAG: