sabato 4 febbraio 2023
stónnə 9°, jé mal tìmbə

Logo

Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Taranto, futuro da capitale europea del turismo aerospaziale: “Peccato non valorizzare”

Redazione IAMTaranto - 21 Maggio 2022

L’aerospazio come elemento identitario e peculiare dello sviluppo turistico e culturale nella provincia jonica, nell’intervento di Fabio Montefrancesco, Presidente della Sezione Agroalimentare, Cultura e Turismo di Confindustria Taranto:

“L’aerospazio è certamente uno dei settori dell’economia in cui la Puglia può ambire a una leadership a livello mondiale. La scelta di Grottaglie come Spazioporto Europeo ci inorgoglisce come imprenditori ma soprattutto mette in campo una nuova opportunità legata al turismo per l’intera area Jonica. Infatti il ruolo non solo di Grottaglie ma anche Taranto nel settore della Space Economy sarà assolutamente legato alla crescita dei servizi turistico culturali che saranno capaci di attrarre i “nuovi ricchi globali” che decideranno di partire dal nostro spazioporto con vettori suborbitali, satelliti e mini satelliti.

Questo lavoro sta creando, già da subito, una forte connessione con l’industria locale e noi, imprenditori del settore turistico e culturale, siamo certi che la presenza sul territorio di Taranto dei colossi mondiali come per esempio Virgin Galactic e SpaceX di Elon Musk, creerà nuove opportunità di business per tutte le aziende che si occupano di turismo, hospitality e dell’economia del mare.

Occorre ricordare infatti che sia Elon Musk che Richard Branson (due tra i miliardari che fanno sognare gli investitori di tutto il mondo) hanno scelto proprio Grottaglie come base di lancio per i viaggi spaziali made in Europe.

Sono convinto che Confindustria Taranto, come è nei programmi del nostro Presidente Salvatore Toma, potrà seguire da vicino, e operativamente, le logiche che gravitano attorno al progetto aerospazio.

Lancio dunque la proposta di candidare Taranto ad Hub europeo del turismo aerospaziale: c’è un fermento nuovo in città legato a questa nuova forma di sviluppo del territorio che sarebbe un peccato non ascoltare e non valorizzare”.

TAG: