martedì 18 giugno 2024
stónnə 22°, ste’ ‘u sólə

Logo

Tempo di lettura: 2 min.

Visita dei detenuti domani al MArTA: “Ripristino dei legami con società e figli”

Redazione IAMTaranto - 22 Luglio 2022

 I detenuti e le loro famiglie al Museo Archeologico Nazionale di Taranto. Il 23 luglio 8 detenuti con le loro famiglie insieme al MArTA

La riscoperta delle proprie radici, il potere rigenerante della cultura, la forza vitale della storia, la coscienza della propria identità.

Sono gli elementi che meglio raccontano l’esperienza che il prossimo 23 luglio faranno al Museo Archeologico Nazionale di Taranto alcuni detenuti insieme alle loro famiglie (figli, mogli) e ai loro accompagnatori.

Si tratta di una tappa fondamentale del progetto realizzato dall’APS T.R.O.I.S.I. Project che in questa fase si è avvalso della collaborazione dell’Associazione “Amici dei Musei di Taranto” e del museo MArTA che ha svolto un ruolo inclusivo, aggregante e federatore.

Otto detenuti, dopo averlo espressamente richiesto agli educatori in carcere, saranno in visita al museo con le loro famiglie.

“Il progetto ha scelto l’approccio alla persona partendo dall’esperienza con la bellezza – spiega Maria Teresa Liuzzi, dell’associazione T.R.O.I.S.I. – e attraverso questo incontro riuscire così a favorire il ripristino di un legame tra i detenuti e la società e in particolar modo tra i detenuti e i loro figli. E così che si è innescato un processo virtuoso che ha visto insieme poi istituzioni, associazioni, privati, riabilitati a loro volta al bisogno di integrazione e cura che deve riguardare tutti gli anelli fragili della società”.

“L’iniziativa è sostenuta finanziariamente dall’Associazione “Amici dei Musei di Taranto” – dice la presidente dell’associazione, Patrizia De Luca – che ne condivide l’obiettivo di inclusione sociale e rafforzamento dei legami parentali attraverso una attività culturale che promuove la conoscenza del patrimonio storico-artistico del territorio”.

La direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, Eva Degl’Innocenti, sottolinea che “in un momento storico in cui ogni elemento di riferimento sembra vacillare, è fondamentale comprendere che studiare, approfondire, ricordare, educare al bene comune, permette a tutti non soltanto di ritrovare le proprie radici e sviluppare la propria sensibilità, ma anche di recuperare la propria identità e sentirsi parte integrante della storia delle civiltà”.

La visita guidata del prossimo 23 luglio alle ore 10.30 si svolge nell’ambito del progetto dell’APS T.R.O.I.S.I. e con il consenso della direzione del carcere di Taranto, del Garante per i diritti dei detenuti e della Magistratura di sorveglianza.

FONTE – Agenparl.eu

TAG: