lunedì 17 giugno 2024
stónnə 31°, ste’ ‘u sólə

Logo

Tempo di lettura: 2 min.

Lә Chiachiarèddә cu casәrәcottә: la Ricetta

Redazione IAMTaranto - 16 Luglio 2023

Una pasta tipica della Puglia dal XII secolo circa, con tante varianti a seconda della provincia, che
fa parte della tradizione culinaria delle famiglie del tarantino. Non esistono documenti che possano
specificare la nascita delle orecchiette, si parte dalla Roma antica alla Provenza, dalla Liguria alla
Puglia, ispirandosi alla forma dei trulli. Tante le storie e gli aneddoti, una in particolare legata alle
mamme in attesa che per conoscere il sesso del nascituro immergevano nell’acqua bollente
un’orecchietta e uno maccherone, se saliva a galla per prima l’orecchietta sarebbe nata una
femminuccia.
INGREDIENTI per 4 persone:

per la pasta: 400 g. di semola di grano duro

  • 200 ml di acqua tiepida
  • sale q.b.
    per il sugo:
  • 1 Kg, di pomodori fiaschetto
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 cipollotto
  • sale q.b.
  • 2/3 foglie di basilico fresco
    per il condimento:
  • 50 g. di cacioricotta grattugiato
  • 6 foglie di basilico fresco
    PROCEDIMENTO:
    Versare la semola su una spianatoia di legno, formare una fontanella, aggiungere un pizzico di sale
    e l’acqua. lavorare l’impasto fino a renderlo omogeneo. Staccarne un pezzo alla volta, formare un
    cordoncino di circa un centimetro, tagliarlo in piccoli pezzi, poi con un coltello a lama liscia
    trascinare il pezzetto sulla spianatoia e poi capovolgere l’impasto sul pollice per realizzare la forma
    di cupola.
    Mentre la pasta riposa preparare il sugo, lavare i pomodori, togliere il picciolo, dividerli a metà e
    spremerli. Metterli in un tegame sul fuoco, facendoli appassire per circa 20 minuti, girando ogni
    tanto. Passare i pomodori con un passaverdure, raccogliendo la salsa in una coppa. Mettere sul
    fuoco un tegame con l’olio, far rosolare il cipollotto affettato sottile e aggiungere la salsa, sale q.b. e
    basilico. Far cuocere per una mezz’ora a fuoco lento. Nel frattempo cuocere la pasta, versarla a
    cottura ultimata nei piatti, condire con il sugo e cacioricotta e guarnire con due foglie di basilico.
    Accompagnare questo piatto con un buon calice di vino Primitivo di Manduria, dal gusto
    caratteristico e gradevole che esalterà il sapore di questo piatto appetitoso.

TAG: