lunedì 17 giugno 2024
stónnə 24°, jé mal tìmbə

Logo

Tempo di lettura: 2 min.

Così cambierà la stazione a Taranto: l’annuncio (FOTO)

Redazione IAMTaranto - 31 Dicembre 2023

“Con soddisfazione ho avuto conferma della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del bando di gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione della nuova stazione di Taranto Nasisi. Proprio recentemente – afferma il Sottosegretario al Mit, Tullio Ferrante – sono stato a Taranto, accompagnato dall’On. Vito De Palma e dal consigliere regionale Massimiliano Di Cuia, per constatare personalmente lo stato di alcune opere viarie e ferroviarie di particolare interesse per la provincia stessa, anche in previsione della necessità di rispondere all’aumento dei flussi attesi per i prossimi Giochi del Mediterraneo del 2026. Teniamo alta l’attenzione sulle esigenze infrastrutturali e di collegamento della città, che rappresenta una realtà viva del nostro Mezzogiorno”.

Il progetto prevede il recupero dell’ex-stazione ferroviaria di Taranto Nasisi, sulla linea Taranto – Brindisi, e la realizzazione di un terminal intermodale ferro-gomma con annessa area di parcheggio. L’intervento fornirà benefici in termini di nuova accessibilità al sistema ferroviario e prevede il prolungamento sino a Nasisi dei servizi Bari – Taranto, così come indicato nell’Accordo Quadro con la Regione Puglia del 2021, oltre a creare possibilità di interscambio modale tra il servizio ferroviario ed i servizi extra – urbani su gomma provenienti dalla Provincia di Taranto. L’attivazione della stazione è prevista nel 2026 e l’intervento è ricompreso all’interno del Contratto Istituzionale di Sviluppo Area di Taranto, con un costo stimato pari a circa 34 milioni di euro.

“Il Governo – continua Ferrante – è fortemente impegnato nel recepimento delle istanze e delle criticità infrastrutturali e trasportistiche in zone nevralgiche del nostro paese, per lo sviluppo di nuovi flussi passeggeri e merci e per il potenziamento di itinerari strategici che si innestano nei tessuti produttivi del Mezzogiorno”.

TAG: