sabato 25 maggio 2024
stónnə 21°, ste’ chióvə

Logo

Tempo di lettura: < 1 min.

Ammirare dal mare in motonave la Processione dell’Addolorata: ecco come fare

Redazione IAMTaranto - 21 Marzo 2024

Anche quest’anno Kyma Mobilità partecipa ai Riti della Settimana Santa dando la possibilità a tutti, tarantini e turisti, di fare una straordinaria esperienza: assistere dal mare, a bordo di una motonave, all’uscita della Processione della Madonna Addolorata dalla Chiesa di San Domenico!

La partenza della motonave “Clodia” è prevista alle ore 23.00 di Giovedì Santo, 28 marzo, dall’imbarcadero al Piazzale Democrate, dove c’è un’ampia disponibilità di parcheggi.

Di lì la motonave inizierà il tragitto per raggiungere il Mar Grande attraversando il Canale Navigabile, passando così sotto il Ponte Girevole e di fianco al Castello Aragonese, uno degli scorci più affascinanti di Taranto, da dove è poi possibile ammirare il Lungomare e la Città vecchia, uno spettacolo mozzafiato reso ancora più suggestivo dall’atmosfera notturna.

Si raggiungerà il tratto di costa antistante la Chiesa di San Domenico, la cui facciata è ben visibile dal mare, dove la motonave stazionerà a poche decine di metri dalla costa, dando così la possibilità ai passeggeri di ammirare l’uscita della Processione della Madonna Addolorata.

L’escursione sarà accompagnata dalle note delle musiche che da secoli rappresentano la “colonna sonora” della Settimana Santa e dalle spiegazioni di una esperta guida che affascinerà i passeggeri con la storia dei riti tarantini “condendola” con aneddoti curiosi ed episodi poco noti.

Durante l’escursione, inoltre, è prevista la degustazione dei dolci della tradizione pasquale tarantina accompagnati da un calice di vino.

Il biglietto costa € 15, per i minori di sei anni è gratuito, ed è possibile acquistarlo presso l’Ufficio vendite, in via D’Aquino n.21 (099.4526785), presso le rivendite Kyma Mobilità autorizzate al Servizio Idrovie (elenco sul sito) e online nella Sezione Idrovie del sito www.kymamobilita.it e dell’App “Kyma Mobilità”.

TAG: