sabato 25 maggio 2024
stónnə 22°, ‘u cìələ scúrə

Logo

Tempo di lettura: 2 min.

Rione Tamburi di Taranto: una oreficeria riconosciuta “Negozio Storico Patrimonio di Puglia”

Redazione IAMTaranto - 23 Aprile 2024

C’è anche un negozio del rione Tamburi di Taranto fra le quasi 800 imprese iscritte nell’Elenco regionale delle attività storiche e di tradizione della Regione Puglia in quanto in possesso dei requisiti previsti dalla Legge 30/2021. Si tratta della storica “oreficeria Grazia Lalinga” sita in Via Orsini 65, nel cuore del popolare rione tarantino.

Nello specifico, la storica attività è stata insignita dalla Regione Puglia del riconoscimento di “Negozio storico” con la dicitura “Patrimonio di Puglia” in quanto è presente nello stesso luogo ininterrottamente da oltre 73 anni, con una gestione familiare che si tramanda da tre generazioni in un negozio che presenta ancora intatti arredi, suppellettili ed attrezzature dell’epoca.

«Siamo fieri di avere avuto questo riconoscimento dopo tanti anni di lavoro onesto e professionale, in un quartiere meraviglioso che purtroppo spesso assurge alla cronaca locale e nazionale per ben altre note questioni» dichiara con orgoglio e un pizzico di commozione il titolare, Luca De Florio, che con la collaborazione della sua compagna Lucia Gerardi porta oggi avanti l’attività di famiglia.

«Immaginate solo con quanta difficoltà si possa accompagnare una azienda attraverso decenni di sacrifici e di criticità, compresa l’ultima emergenza sanitaria che ha messo in ginocchio il commercio in tutto il mondo» continua De Florio. «Ma le crisi possono e devono essere anche essere occasione per una evoluzione, aiutano ad aguzzare l’ingegno e ci sono servite per restare al passo con i tempi ed ampliare i nostri servizi alla clientela, attraverso il rafforzamento della presenza social, le vendite online in videochiamata, le spedizioni e persino le consegne a domicilio. Il tutto senza mai dimenticare la nostra storia e le nostre origini. Infatti utilizziamo ancora attrezzature d’epoca per alcune lavorazioni , il negozio è rimasto pressoché identico nel corso degli anni, e chi viene a farci visita ha l’mpressione di entrare in una rassicurante “capsula” in cui il tempo sembra essersi fermato. Un po’ come tornare a casa dai nonni.»

«E’ anche per questo motivo», conclude De Florio, «che abbiamo voluto valorizzare queste caratteristiche creando un insolito itinerario turistico “fuori rotta”, un piccolo museo privato di oggetti e curiosità del commercio dell’oro, apprezzato sia dai clienti che dai turisti appassionati di negozi storici che ogni tanto vengono a farci visita in modo assolutamente gratuito. Oggi siamo anche presenti sul portale turistico TripAdvisor come “luogo di interesse” e i nostri locali sono stati persino usati da una importante produzione per girare alcune scene di un film di prossima uscita. Inoltre stiamo raccogliendo tutta la storia e le storie del nostro negozio in un libro che sarà regalato in un numero limitatissimo di copie ai visitatori che verranno a trovarci. Crediamo nella condivisione della conoscenza e questa è una bella opportunità per proporre una esperienza “differente” ad un pubblico interessato.»

TAG: