lunedì 17 giugno 2024
stónnə 30°, ste’ ‘u sólə

Logo

Tempo di lettura: < 1 min.

Tutta l’emozione di Alessandro Greco per il ritorno in RAI: “Ringrazio la fede, la gavetta e Raffaella Carrà”

Redazione IAMTaranto - 1 Giugno 2024

Lunghissima intervista a Repubblica di Alessandro Greco, entusiasta per il ritorno alla conduzione Rai di Unomattina Estate che partirà dal prossimo 3 giugno: «Siamo figli della gavetta, quella dura. Quando raschi il fondo del barile devi solo crederci e rialzarti. Io ho imparato tutto dagli spettacoli itineranti nelle piazze. Quello che hanno fatto per me Raffaella (Carrà, ndr,) e Japino è incredibile: diedero fiducia a un semisconosciuto. Quando sono andato al provino, facevo piccoli collegamenti per Unomattina Estate. Mi spedirono nel suo camerino: “Da dove vieni fuori?”. “Sono di Taranto vengo dalle piazze”. “Ah, adesso ho capito tutto”. Raffaella era un’artigiana stakanovista, esigeva molto da sé stessa. Con lei ho fatto anche Il gran concerto con l’Orchestra sinfonica della Rai per divulgare la musica classica ai ragazzini. Le sarò sempre grato, mi considerava un figlioccio. Ho rifiutato cose che non mi convincevano. Però ho il dono della fede e mi sono aggrappato alla famiglia, a Beatrice Bocci, mia moglie. Me la presentò Fabrizio Frizzi, persona meravigliosa restata nella mia vita”.

TAG: