domenica 25 febbraio 2024
stónnə 13°, ste’ ‘ndrónə

Logo

Tempo di lettura: 2 minuto

A tu per tu con il DJ Vincenzo Pulpito, quinto al Tour Music Fest 2021: “Un onore rappresentare la mia città”

Massimiliano Fina - 9 Novembre 2021

Di seguito l’intervista completa ai microfoni di IAMTaranto.it del DJ Vincenzo Pulpito, quinto al Tour Music Fest 2021 a Roma

Quando e come è nata la passione per la musica?

La mia passione per la musica nasce all’età di 13 anni, tra radio dj, ascoltata in radio e le stupende estati a guardare i festivalbar di Fiorello.

Da quanto tempo hai iniziato a fare questo mestiere? Ricordi la prima volta in consolle di un club?

Ho iniziato a fare questo mestiere per gioco… per pura pressione.. all’età di 17 anni facendo le prime feste di compleanno agli amici del mio quartiere. In realtà non ho lavorato molto nei club, ma ricordo la mia prima serata al Lido Saint Bon la notte di ferragosto con oltre 1000 persone in pista.. è inutile spiegarti l’emozione!

Chi è il tuo dj preferito/di riferimento?

Cresciuto musicalmente nella dance dei mitici anni 90, non può che essere Gigi D’Agostino e Giorgio Prezioso.

Raccontaci tutta la trafila e le emozioni e sensazioni del Tour Music Fest 2021. Hai rappresentato la nostra città in una manifestazione nazionale: cosa hai provato?

Eravamo in lockdown e smanettando su internet, ho scoperto, per puro caso, che erano aperte, ancora per poco, le iscrizioni per questo contest da dj (che sinceramente non conoscevo). L’iscrizione consisteva nel mandare un video promo di un mio dj set, alla redazione del Tour Music Fest; loro l’avrebbero valutato e qualora fosse stato idoneo, avrei dovuto fare una Live Audition in una delle città d’Italia, più vicina alla mia. Mi arrivò una telefonata del TMF, congratulandosi per aver passato il primo step e che a breve mi avrebbero comunicato la città dove fare la Live Audition difronte ad una commissione. Diciamo che senza alcuna pretesa e senza alcuna “speranza” sono andato a Casoria (Napoli) per presentare il mio dj set dalla durata massima di 5 minuti. Ricordo che quella mattina eravamo in tantissimi, tutti determinati e pronti a conquistare la giuria per passare al prossimo step (Roma). Ho portato, più che un dj set, un mashup di musica anni 90 (11 canzoni in 5 minuti). Beh, ti dirò, dopo un mese, dovevano comunicare i 14 finalisti durante una diretta streaming… non ci avrei mai scommesso, ma in quei 14, io c’ero!! Ero a dir poco incredulo, ma iniziavo a crederci! La finale consisteva nel ripresentare l’ultimo dj set della Live di Casoria, di fronte ad una giuria di esperti dj, sul palco del CrossRoads Live Club di Roma. È stato per me un onore poter salire su quel palco e poter rappresentare la mia città! Ero carico di adrenalina e la missione più difficile in quel momento è stata doverla gestire per poter dare il meglio di me! Purtroppo mi sono classificato quinto, ma porto con me la grande soddisfazione di essere stato quinto di oltre 1000 dj di tutta Italia e questo mi basta per crederci ancora.. ad maiora semper!

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi? Parteciperai a qualche altro evento?

Non ho al momento obiettivi ben precisi, ma non ti nego che il TMF mi ha ricontattato proprio in questi giorni, chiedendo di partecipare nuovamente al prossimo contest, partendo direttamente dal secondo step… ci sto pensando!

TAG: