martedì 18 giugno 2024
stónnə 22°, ste’ ‘u sólə

Logo

Tempo di lettura: 2 min.

Palazzo Costa nel Borgo Antico di Taranto… e la sua targa

Redazione IAMTaranto - 25 Giugno 2023

Percorrendo Via Duomo, l’arteria più antica della Città dei Due Mari, di fronte al vicoletto della Madonna del Pozzo, una lapide ricorda la nascita in quel palazzo di Pasquale Mario Costa e, precisamente, all’ex civico 58 (oggi 191) di via Duomo si erge Palazzo Costa.

L’edificio è composto da due piani superiori e il prospetto principale si presenta con un modesto portale con frontespizio arcuato decorato da capitelli e balconi con semplici ringhiere in ferro.

La lapide posta dal Comune sulla facciata del palazzo recita: “IN QUESTA CASA VICINA A QUELLA DEL CANTORE DI NINA IL XXIV LUGLIO MDCCCLVIII RESPIRÒ CON LA VITA LE PRIME AURE DI GLORIA PASQUALE MARIO COSTA CHE SE STESSO TRASFUSE PELLEGRINO D’AMORE IN NOSTALGIA DI PATRIA NEL MUSICALE RICAMO DELLA VICENDA DI PIERROT NELLA BRIOSA ESUBERANZA DEL FRACASSA E IN CENTO MELODICHE MERAVIGLIE FIORITE DALLA POESIA DEL NOSTRO POPOLO.” 

Mario Pasquale Costa è il nome d’arte di Pasquale Antonio Cataldo Maria Costa nato a Taranto il 24 luglio 1858, figlio di Angelo e Maria Giuseppe Malagisi, nonché nipote del compositore e direttore d’orchestra Michele Costa e del Maestro Carlo Costa.

Studiò a Napoli nel Conservatorio San Pietro a Maiella e dopo il diploma si trasferì a Londra. Rientrato in Italia per la morte del padre conobbe Salvatore Di Giacomo e iniziò una grande collaborazione che li portò a scrivere tante canzoni diventate famose come Era di Maggio. Tra le sue opere si ricorda ‘A frangesa portata al successo dalla cantante tarantina Anna Fougez e la pantomima Histoire d’un Pierrot. Inoltre scrisse una canzone dedicata alla sua città natale che fu cantata all’inaugurazione della Base Navale in Mar Piccolo il 21 agosto 1889, in occasione della venuta a Taranto del Re d’Italia, Umberto I. Morto a Monte Carlo il 27 settembre 1933 fu tumulato in una tomba nel Cimitero di Taranto nel 1934.

La città gli ha intitolato una scuola che oggi fa parte dell’Istituto Comprensivo Martellotta, un Istituto musicale e una piazzetta in Corso Piemonte.

TAG: