lunedì 20 maggio 2024
stónnə 21°, stónnə lə núvələ

Logo

Tempo di lettura: < 1 min.

Ecco Nina: la bambina ucraina in fuga dalla guerra nata nel Tarantino

Roberta Frascella - 16 Marzo 2022

Nel buio, ogni tanto, una buona notizia.
Ieri sera, martedì 15 marzo 2022, è venuta alla luce Nina, una bambina ucraina, presso l’ospedale di Martina Franca.

Sua madre, Nastya, è giunta dall’Ucraina all’Italia al nono mese di gravidanza assieme ai suoi altri due figli, Ivan e Maria, ed è stata accolta da una famiglia a Cisternino, mentre il padre della piccola, Severen, è nel suo paese, a combattere l’invasione russa.

La famiglia è stata accolta non solo dalla famiglia che la ospita attualmente, ma anche da tutta la comunità del paese in provincia di Brindisi, che si sta dando da fare per accogliere i numerosi profughi in arrivo dall’Ucraina.

Il sindaco di Cisternino, Lorenzo Perrini, fa loro gli auguri: “Auguri Nina, auguri a te, alla tua mamma, al tuo papà e ai tuoi fratelli. L’Italia, la Puglia e Cisternino proveranno a darvi tutto quanto umanamente possibile per farvi sentire a casa.”

Un piccolo contributo giunge, quindi, anche da Taranto, che accoglie tra le sue braccia la piccola, nata in un momento estremamente difficile, ma il cui arrivo è sintomo di speranza, solidarietà e amicizia tra i popoli.