sabato 13 aprile 2024
stónnə 17°, ste’ ‘u sólə

Logo

Tempo di lettura: 2 min.

Le Pettole: la Ricetta

Redazione IAMTaranto - 20 Novembre 2022

Sono le pettole dolci o salate, semplici o ripiene, il simbolo della tradizione natalizia tarantina, che compaiono sulle nostre tavole precisamente il 22 novembre per la festa di Santa Cecilia, protettrice dei musicisti. Si suppone che pettola derivi dal latino «pitta» che significa focaccia.

Si racconta di una donna tarantina che dopo aver preparato l’impasto per il pane, era stata attratta dal suono degli zampognari che attraversavano nel giorno Santa Cecilia le vie della città e li aveva seguiti per gustare al meglio le loro pastorali.

Al rientro a casa si era accorta che l’impasto era lievitato troppo e non potendo più utilizzarlo per il pane, pensò bene di fare tante palline e friggerle nell’olio bollente. Le battezzò pèttelә, i suoi figli le apprezzarono tanto chiedendo ulteriori informazioni, la donna allora disse che erano le Cuscínә du Bamminúddә. Un’altra storia invece racconta che la donna si era distratta per seguire San Francesco d’Assisi e ascoltare le sue prediche o ancora mentre era affacciata alla finestra si era trattenuta a chiacchierare a lungo con la vicina.

INGREDIENTI PER LE PETTOLE:

– 1/2 kg. di farina

– 400 ml. di acqua tiepida o latte

– 25 gr. di lievito di birra

– 1 cucchiaino di sale

– 1 cucchiaino di zucchero

– 1 cucchiaino di olio extravergine

–  1 litro di olio di semi di girasole per friggerle

PROCEDIMENTO PER LE PETTOLE:

Mettere l’acqua (o il latte) in una coppa, sciogliere il lievito e lo zucchero, aggiungere a pioggia la farina e il sale, mescolando energicamente fino al suo completo assorbimento, creando una pastella. Coprire la coppa con un canovaccio e lasciare lievitare almeno per un paio di ore. Poi a cucchiate calare l’impasto nell’olio bollente.

Quando sono dorate posarle su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e passarle nello zucchero, se gradito. Oppure per la versione salate immergerle nell’olio bollente con salsiccia, alici, formaggio, broccoli, baccalà o altro a seconda del proprio gusto.

Non dimenticare di servire le pettole accompagnate da un bicchiere di vino Elsa Primitivo di Manduria dolce naturale Docg per gustarle al meglio.

TAG: