giovedì 18 luglio 2024
stónnə 30°, ste’ ‘u sólə

Logo

Tempo di lettura: 7 min.

Pasticceri e Pasticcerie d’Italia 2024: tra Taranto e provincia 8 menzioni dal Gambero Rosso

Redazione IAMTaranto - 24 Novembre 2023

Da nord a sud, l’Italia può vantare una ricca tradizione di specialità dolci e grandi maestri nell’arte bianca che crescono di anno in anno come racconta Pasticceri e Pasticcerie d’Italia 2024, per il secondo anno consecutivo in collaborazione con Club Kavè – Il Club dell’Espresso Italiano, come main sponsor. Un’esplosione di deliziosi sapori, tra storiche ricette e proposte più innovative, anche grazie all’utilizzo delle più moderne tecnologie, un’attenzione crescente a gusto, salute e sostenibilità, con un ruolo sempre più importante giocato dalla comunicazione e dai social media: è questo lo scenario presentato nella 13° edizione della Guida del Gambero Rosso. 

Dolci ben decorati e ricette scenografiche che viaggiano su Instagram e TikTok, accompagnati dall’hashtag giusto, possono contribuire al successo di un prodotto o di un locale; ma, come sottolinea Laura Mantovano, Direttore editoriale della Guida, “oggi essere social non basta: le forme, i colori, l’estetica, il design, debbono andare di pari passo con la concretezza e la solidità della proposta. È la tecnica, la qualità delle materie prime, la capacità di mixare intelligentemente gli ingredienti, il dosaggio sempre più oculato di zuccheri e grassi a fare un buon pasticcere. E, in Italia, abbiamo tante eccellenze: la lista degli indirizzi giusti cresce di anno in anno!”.

Quello di Club Kavè con il mondo della pasticceria è un rapporto voluto e coltivato negli anni, supportando le esigenze della categoria, affiancando i nostri clienti pasticceri nella costruzione dell’offerta di caffetteria e mettendo a loro disposizione formazione costante, che grazie al Laboratorio dell’Espresso, offriamo dal 2001” aggiunge Costanza Filicori, Direttore Generale di Club Kavè. “L’amore per la pasticceria ci ha portato qui oggi a premiare e festeggiare tutti i più importanti maestri pasticceri d’Italia”.      

Sono 650 le insegne incluse nell’edizione 2024, con 60 novità, distribuite su tutto il territorio nazionale, con alcune regioni che spiccano più di altre, come il Piemonte, la Lombardia e il Veneto a nord, Campania e Sicilia a sud, dove sfogliatella o pastiera e cannolo o cassata non potevano mancare nella degustazione, che ha incluso anche una valutazione sull’ambiente e sul servizio. Locali storici, raffinati ed eleganti si mescolano alle nuove proposte, più moderne, ma ugualmente accoglienti e curate.  

La corona resta a Iginio Massari, genio indiscusso e riferimento della pasticceria italiana in tutto il mondo, sempre attuale e capace di dettare mode e tendenze, cui vanno le Tre Torte d’OroPasticceria Veneto, a Brescia, è la migliore in Italia da mezzo secolo. 31 sono le eccellenze che ottengono il massimo riconoscimento delle Tre Torte; e 5 sono i premi speciali assegnati. 

La Puglia 

La Puglia si riconferma come una delle regioni più amate dai turisti capace di incantare anche con le sue tradizioni dolciarie. Un’eccellenza spicca su tutte aggiudicandosi le ambitissime Tre Torte: è L’Arte Bianca di Parabita (LE) capace di sorprendere sempre con creazioni che fanno amare il suo Salento, ne raccoglie le tradizioni e le ripropone con sapienza artigiana e tecnica moderna. Dopo il pasticciotto in gusti dolci e salati, nel 2023 ha lanciato il “rustichino”, rivisitazione del tipico rustico (sfoglia ripiena di besciamella e pomodoro) in cinque versioni. Ed è proprio per le sue proposte salate che il locale si aggiudica anche il premio speciale ICETEAM 1927 di “Migliore Pasticceria Salata”. 

Ma tantissime, ben 29, le eccellenze pugliesi che si sono distinte aggiudicandosi le Due Torte, di cui 3 primeggiano tra le Migliori Due Torte: Pino Ladisa di Bari dove l’abile pasticcere, che dà il nome al locale, rivela il suo talento in tante golose tentazioni dove la tecnica sposa la tradizione e la ricerca ottime materie prime.  

Moffa di Foggia dove il suo pasticcere Pietro Moffa valorizza al meglio il territorio e la tradizione locale ma è capace anche di reinterpretazioni di classe e di una creatività che regala continue sorprese. 

Ladisa Dolci e Cioccolato di Valenzano (BA): tecnica e creatività sono alla base del lavoro di Lucia Lotito. Nei suoi dolci belli ed eleganti, si percepisce l’attenzione ai dettagli e la ricerca di equilibri armoniosi. 

10 i nuovi ingressi di cui 7 si sono fatti subito notare, entrando di diritto nella guida con Due Torte (*) già all’attivo:  

  • Petit Gateau, Andria (BT)*
  • Andy Havlik, Bari*
  • Pasticceria Perulli Eugenio, Bari*
  • Mosè, Barletta*
  • Paticceria Da Ugo, Casarano (LE)*
  • Dulcedo, Galatina (LE)
  • Giuseppe Russi, Laterza (TA)
  • Pasticceria La Fornarina, Lecce
  • Franchini, Lecce*
  • Adua, Martina Franca (TA)*

GINOSA [TA] La Cavallerizza, via G. Garibaldi, 58. Bellissimo e multiforme questo locale in centro città, giocato su più livelli che offrono molteplici esperienze di gusto. Dalle antiche stalle, oggi bistrot-ristorante, nel piano interrato, alla panoramica terrazza, dedicata all’aperitivo. Nel mezzo, il bar
pasticceria. Al timone il famoso pastrychef Nicola Di Lena, che dalla colazione al dessert (nell’offerta ristorativa), non smentisce la sua fama. Grande concentrazione sui dolci da colazione più gettonati. Il cornetto è semplice per impasti e farciture ma davvero memorabile al palato (da provare nella versione con cioccolato). Ottimi anche gli altri lievitati, le monoporzioni con creme e frutta, i semifreddi
dalle geometrie perfette e dai sorprendenti equilibri di gusto. Restano un must i panettoni, nei quali Di Lena è un maestro che continua a divertirsi con risultati sempre più alti, di anno in anno. Un luogo dove concedersi una pausa di bellezza e bontà. Personale professionale e accogliente.

LATERZA [TA] Giuseppe Russi via de Deo, 48. Pasticceria molto nota e amata in città, in particolar modo
per le torte: su ordinazione, per le ricorrenze, in grado di soddisfare ogni richiesta. Qui, di norma, di ogni fetta si fa il bis. Qualità della materia prima e tecnica e passione del pastry chef regalano bellezza e gusto
senza compromessi. Idem per il resto dell’offerta, dai lievitati da colazione (menzione speciale per pain au chocolat e maritozzi con panna) ai mignon, della tradizione (irresistibili le zeppoline) e contemporanei, con glassa impeccabile in una vasta scelta di gusti. Da provare i dolci al cioccolato, altro vanto di casa.
Perfettamente eseguito il gelato, da sperimentare in estate anche con un grande lievitato (homemade) fuori stagione: il panettone artigianale. Servizio gentile e professionale.

GROTTAGLIE [TA] Bernardi La Pasticceria via La Sorte, 42. Quasi cinquant’anni di storia per questa pasticceria che si rinnova di generazione in generazione. Riferimento e ritrovo, da mattina a sera e per ogni occasione. Sul lungo bancone spicca la carrellata di dolci ordinata e multicolore. La scelta è ampia, per tutti i gusti, dalle monoporzioni ai mignon ai semifreddi. Ottima la cheesecake, con la giusta punta di salato e in perfetto equilibrio tra le parti. Molto buone le creme (pasticcera setosa, chantilly avvolgente) e tutti i dolci al cioccolato (home made), dai bignè alla sacher. Ben eseguiti i lievitati da colazione (brioches e croissant), accompagnati ad un buon caffè o cappuccino oppure a una buona cioccolata calda. Nella bella stagione, vale la pena provare la gelateria: pochi gusti perfettamente realizzati. Non manca l’offerta salata per l’aperitivo, né bollicine e cocktail. Il servizio è celere e professionale.

MARTINA FRANCA [TA] Saint Martin via G. Toniolo, 8. Tappa ideale per una sosta “dolce” grazie all’ottima pasticceria e caffetteria. Il locale è elegante e ordinato, l’atmosfera vivace e l’ambiente luminoso. Sul bancone-vetrina si affiancano, multiformi e dall’infinita gamma di colori, le belle creazioni di Paolo Fornaio, padrone di casa e pasticcere d’esperienza. Da provare, il bocconotto dalla tradizionale forma tonda anziché oblunga e chiuso da una spolverata di zucchero a velo, con la frolla perfettamente fragrante e le creme dalla giusta densità. Ottime le preparazioni con frutta fresca; impeccabili le sfoglie, dai croissant ai cannoli. Belli da vedere e buoni da mangiare semifreddi e torte. Da non perdere il gelato in estate, come il cioccolato in inverno (e nelle uova pasquali). Ben realizzati i grandi lievitati delle feste (ma qui il panettone si trova anche in estate, in più varianti che meritano l’assaggio). Servizio cortese.

MARTINA FRANCA [TA] Adua via Paisiello, 62. Un locale dal fascino antico nato negli ‘30 – che coniuga mirabilmente passato e presente. Presente che è sempre più orientato verso la pasticceria, tradizionale e contemporanea, pur restando ottimo riferimento come bar e caffetteria. Imperdibile il bocconotto, simile al pasticciotto leccese ma diverso per forma e per l’ingrediente grasso della frolla (con burro anziché strutto), tra i migliori della zona. Tante le varianti, con crema pasticcera, crema e amarena (ma anche al pistacchio e in altri gusti nuovi e golosi) oppure – notevole al cioccolato. Poi tartellette con meringa, millefoglie con frutta fresca, zeppole, bignè in varie farciture e pasticceria secca, dai frollini alla pasta di mandorle. Ottimo il gelato artigianale (da provare i mini-cornetti pronti). Anche torte e semifreddi. Servizio professionale e gentile.

MANDURIA [TA] Bar Pasticceria Pompigna p.zza Vittorio Emanuele II, 5. In centro città, è punto di riferimento per la colazione o una pausa di gusto, dolce ma anche salata. Un autentico must il pasticciotto, realizzato secondo tradizione e nella altrettanto storica versione con crema e amarena. Particolarmente apprezzate anche le brioche, vuote o farcite, dall’ottima lievitazione e cottura. Gustosi e ben eseguiti inoltre bomboloni e krapfen, senza dimenticare i cornetti e i rustici – riccamente farciti – che svelano una sfoglia fatta a mestiere. Tutto da accompagnare a un caffè in ghiaccio con latte di mandorla dal giusto equilibrio, non troppo dolce né amaro e con l’opportuna quantità di ghiaccio per impedire che si sciolga al momento di versare il caffè. Molto buona e varia l’offerta di mignon e pasticceria secca, e si va sul sicuro con i dolci delle feste: chiacchiere, zeppole, dolci di pasta di mandorla. Bene il servizio, accogliente e professionale.

TARANTO La Gioia via Lago d’Arvo, 11. Locale storico, dagli ambienti puliti e accoglienti, che ha saputo
rinnovarsi senza perdere nulla del passato. Dalla colazione con cornetti in più versioni, soffici e riccamente farciti (da provare nella versione all’amarena) – a seguire, un tripudio di dolcezze eseguite con tecnica e passione. Ottima la crema al caffè e il cappuccino da accompagnare a brioche e bomboloni soffici e fragranti. Ricca offerta di monoporzioni e mignon. Ampio spazio alle torte, dalle classiche tra le quali è davvero eccellente la millefoglie – al cake design. Quand’è periodo, le zeppole di San Giuseppe sono superlative (in versione fritta e al forno). Non c’è dubbio che il panettone resti, meritatamente, cavallo di battaglia. Ripetutamente premiato negli anni, si distingue per tecnica e gusto impeccabili. Bella anche la selezione di tè e tisane per una dolce pausa pomeridiana. Servizio cortese.

TARANTO Pasticceria Napoletana via Icco, 8. Se si ha voglia di dolce tradizione campana, questo è l’indirizzo giusto. E non solo per il nome dell’insegna, ma anche perché qui la tradizione partenopea è
rispettata fino alla sacralità. I grandi classici sono a prova di intenditore. Sfogliatelle (riccia e frolla) dall’aroma inconfondibile e dal ricco ripieno di ricotta. Babà ben realizzato, anche in versione torta. Ha proprio il gusto e la fragranza che deve avere la pastiera, da gustare fresca ogni giorno all’invitante banco
(in porzione) oppure da portare a casa. Uno spazio è dedicato anche alla pasticceria siciliana, con cassate belle da vedere e buone da mangiare e cannoli ben eseguiti, in diverse dimensioni. In estate, da non perdere le golose brioche farcite con gelato artigianale. Non manca la tradizione pugliese, con ottimi spumoni per restare sul semifreddo, e pasticciotti e cornetti in molteplici farciture. Servizio familiare e gentile.

TAG: